Sfondo storico della toga per avvocato

La storia della toga risale al 1327 quando Edoardo III formulò i costumi per i giudici sulla base del “codice di abbigliamento” per frequentare la “corte reale”. Alla fine del 13° secolo, la struttura della Professione Legale in Gran Bretagna era rigidamente divisa tra Giudici; I sergenti, che indossavano una parrucca bianca in testa e si esercitavano da St. Cattedrale di Paolo; e le quattro locande di corte, divise in studenti, difensori, banchieri (l’organo direttivo della locanda) e avvocati, che provenivano principalmente da famiglie reali e facoltose. I costumi giudiziari inglesi indossati dai giudici sono il guardaroba da lavoro più caratteristico esistente da più di sei secoli. I costumi per i giudici furono più o meno stabiliti al tempo del re britannico Edoardo III (1327-1377) per frequentare la corte reale. Il materiale per l’abito o le vesti cerimoniali era originariamente dato ai giudici come concessione della Corona. Nel 1340, in una reazione pubblica, il grande pubblico si oppose alla lunghezza dell’Abito Giudiziario ma gli Avvocati decisero ostinatamente di aderire alle toghe per avvocati lunghe. I giudici durante l’era medievale indossavano abiti viola in inverno e abiti verdi in estate. Le vesti verdi estive caddero in incognito nel 1534 e dopo il 1534 venivano solitamente indossate solo le toghe nere e viola. 

Nell’antica Roma, un giudice indossava una “toga bordata di viola” quando svolgeva le sue funzioni di giudice per derivare la sua autorità da monarchie o signori feudali. In Inghilterra, la codificazione delle regole per l’uniforme giudiziaria inglese avvenne con le regole del giudice, 1635. Le regole non introdussero alcun cambiamento piuttosto stabilirono cosa e quando i costumi esistenti da indossare. Dopo il 1635 fu introdotta una “tunica nera” con una pelliccia o un cappotto di colore chiaro in inverno e abiti viola o scarlatti con taffettà rosa corto in estate. Quindi, in Inghilterra giudici, avvocati e procuratori legali nel 17° secolo usavano camici neri, abiti, fasce bianche e parrucche tradizionali.

Ma questa è l’usanza iniziata dagli inglesi. Lo fecero, perché era la moda di quella particolare epoca o probabilmente lo usavano a causa delle condizioni climatiche locali. Come i governanti, hanno imposto la stessa cultura e costumi alle “colonie” che hanno acquisito senza tener conto delle esigenze climatiche locali o delle condizioni socio-economiche generali. Tuttavia, molte di queste “colonie” continuarono con l’eredità e adottarono lo stesso sistema, la stessa cultura, le stesse leggi e persino lo stesso abbigliamento senza alcun cambiamento anche dopo essersi liberate dal dominio imperiale.

La toga per avvocato è stato sempre un segno di rispetto per il mestiere legale. Nei nostri giorni gli avvocati scelgono di indossare una toga artigianale come quella sartoriale. Il prestigio della toga dell’avvocato è una caratteristica molto importante in questo mestiere pieno di passione. Una toga avvocato sartoriale sarà sempre una scelta da fare per tutti coloro che esercitano questo mestiere.

Da ricordare che indossare la toga avvocato crea un senso di disciplina tra gli avvocati e dà loro un senso di potere e la sensazione di essere sostenitori dei diritti e della giustizia. Il colore nero è stato sempre un simbolo di dignità, onore, saggezza e giustizia, ovvero i valori che ogni avvocato possiede.

Cerca